Guida Michelin 2017 wifi
Pagella Raspelli
Pagella Raspelli
  Tempo libero  

Escursioni a Sant’Anna di Roccabruna

Numerose sono le escursioni che partono da Sant'Anna di Roccabruna, borgata sorta intorno alla cappella e ad un ampio piazzale: le passeggiate seguono le facili piste forestali pianeggianti alle spalle della chiesa.


Rocca Cubiera e Castlas

Sono i Percorsi Occitani, che a destra raggiungono la Rocca Cubiera e del Castlas, simbolo del comune, dalla cui vetta si gode una spettacolare vista aerea sulla conca di Roccabruna, su Dronero e sulla pianura cuneese.

Link consigliati:
www.ghironda.com
www.infovallemaira.eu

Monte San Bernardo

Chi volesse proseguire l'escursione di un paio di ore (andata e ritorno) dal Castlas, si consiglia la strada che risale al Colle di Valmala e al Monte San Bernardo, terrazzo panoramico sulle alpi Occidentali, sulla Provincia Granda e sulle Langhe fino alle montagne liguri: assolutamente da non perdere in giornate terse!

 
Link consigliato:
www.naturaoccitana.it

Monte Roccerè

Altra escursione, più impegnativa sotto il profilo altimetrico, è la salita al Monte Roccerè, che con la sua distesa di coppelle e resti di antichi menhir rappresenta uno dei luoghi più significativi dal punto di vista archeologico della zona. Raggiunto il Colle della Ciabra si incontra la Strada dei Cannoni, che prosegue in quota sullo spartiaque fra le valli Maira e Varaita fino al Colle di Sampeyre nel comune di Elva.

 
Link consigliati:
www.naturaoccitana.it
www.roccere.it

Cappella di San Chiaffredo

Ritornati a Sant'Anna, sulla sinistra la pista forestale dei Percorsi Occitani prosegue in un fresco bosco verso la cappella di San Chiaffredo, su un pianoro prativo nei pressi di borgata Roi, in zona Foresti di San Damiano Macra.

 

Pineta di Sant’Anna e Sentieri della Libertà

I boschi di Sant'Anna di Roccabruna durante la Seconda guerra mondiale furono la sede operativa della Resistenza di un comando partigiano, la 104° Brigata Garibaldi; per ripercorrere i terribili momenti della guerra si possono scegliere i Sentieri della Libertà, toccando le borgate di Combetta, Grangia, Norat e Ferre. Il rifugio partigiano di Sant’Anna ospita una mostra in ricordo di quegli anni drammatici ed eroici, mentre la bella pineta pianeggiante offre un’oasi di pace spirituale dove in primavera ed estate si può godere della frescura e dei profumi della natura.
Un bello sguardo sui monti della Valle Maira, dominati dal profilo del monte Chersogno e del Pelvo d’Elva si può trovare seguendo la strada sterrata che scende a fianco del ristorante; in poche centinaia di metri si raggiunge una radura panoramica sopra la borgata di Ferre.


Foto: Enrico Collo
Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fini statistici, pubblicitari e operativi, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all’ uso dei cookie e ai termini riportati alla pagina Privacy Policy. Per saperne di più e per impostare le tue preferenze vai alla sezione: Privacy Policy

×